29 luglio 2014

Grissini stirati



Con un'estate così il forno non ha mai smesso, molto, di funzionare e mi permette di sperimentare e sfornare lievitati di tutti i tipi.
Questa volta volevo provare a fare dei grissini che ricordassero un po' quelli torinesi, croccanti e friabili, che per me sono una vera droga e sono perfetti come accompagnamento a un bel aperitivo, magari estivo ;)!!
Ho trovato una ricetta niente male, ci assomigliano molto anche se, devo ammettere, quella friabilità è data da molto più olio che io faccio fatica ad usare. 
Li ho preparati per una cena in compagnia e sono talmente piaciuti che sono finiti in una sera!

Ingredienti:
480 g di farina buratto
240 g di acqua
80 g di pasta madre (rinfrescata 3-4 ore prima)
50 g di latte
50 g di olio
10 g di sale
1 cucchiaino di malto

Sciogliete il lievito madre nell’acqua, all’interno della impastatrice, aggiungete la farina, il latte, il malto e impastare fino a far incordare l’impasto. Aggiungete l'olio a filo e farlo assorbire, quindi incorporare il sale. Finire di impastare e mettere a riposare l’impasto in un contenitore chiuso e unto con un filo d’olio.
Dopo 2 ore circa, stendete l'impasto a forma di rettangolo, con l’aiuto di un mattarello. Ricavate dal lato corto delle striscioline sottili, prendetene le estremità e, con delicatezza, allungatele fino a una  lunghezza per riporle nella teglia. Formati tutti i grissini, spolverizzarli con farina di mais bramata, copriteli e lasciateli riposare altre due ore nella teglia dove li avete sistemati. 
A questo punto cuoceteli in forno a 180° fino a doratura, girandoli ogni tanto. 
Lasciateli raffreddare prima di consumarli, si mantengono bene a lungo chiusi in un sacchetto di plastica.


Nessun commento:

Posta un commento