16 aprile 2014

Treccia salata con speck, scamorza e pistacchi


La scorsa settimana ho preparato questa treccia per un amico e devo dire che è stata dura darla via e non tenerla per noi. Dalla prima volta che l'ho provata è stato amore a prima vista, sia perché fa di per sè la sua bella figura sia perchè è di una bontà unica!!!
Per la cena della Vigilia con i parenti ne avevo preparate due diverse, è inutile dirvi che sono scomparse nel giro di pochissimo, tutti i parenti ne sono andati pazzi...diciamo che il successo è assicurato e si soddisfa il palato di tutti.
Quindi ho pensato di proporvela perché la vedo perfetta per il pranzo di Pasqua, e in un colpo solo avete sia abbellito la tavola che assicurato un ottimo antipasto!
Vi do la ricetta sia con il lievito madre, come l'ho preparata io, sia con il lievito di birra così proprio tutti possono cimentarsi ;).


Versione con Lievito Madre

Ingredienti per l'impasto:
125g di pasta madre rinfrescata
500g di farina 0
225g di latte
1 uovo
10g di zucchero
40g di olio
15g di sale

Ingredienti per il ripieno:
150g di speck
150g di scamorza
100g di pistacchi

Inseriamo la pasta madre nella planetaria insieme all'uovo, lo zucchero, la farina e il latte. Lasciamo andare il gancio fino ad ottenere un impasto liscio e omogeneo e iniziamo ad inserire l'olio un po' alla volta per farlo assorbire e infine il sale. L'impasto è pronto quando sarà bene incordato cioè si staccherà dalle pareti della ciotola. A questo punto metterlo in una ciotola unta d'olio e lasciarla riposare per due ore circa.
Nel frattempo preparare il ripieno tagliando il formaggio e lo speck a cubetti e sbucciando e tritando grossolanamente i pistacchi. Passate le due ore stendere l'impasto e formare un rettangolo abbastanza sottile (5 mm circa). Cospargerci sopra i vari ingredienti e arrotolarlo partendo dal lato lungo, per formare un rotolo, che andrà tagliato a metà nel senso della lunghezza. Con delicatezza, per non far uscire gli ingredienti, girare le due parti ottenute con l'apertura verso l'alto e incrociarle per formare una treccia a due capi che poi andremo a chiudere ad anello. A questo punto la trasferiamo in una teglia da torta, o meglio da ciambella, leggermente imburrata e la lasciamo riposare 6 ore circa. Io spesso impasto nel pomeriggio, lascio riposare 2 ore, formo e la pongo in frigo fino al mattino dopo in cui la tolgo, la lascio acclimatare e inforno per le 12 così è pronta per pranzo. Altrimenti la si può cuocere prima e riscaldare prima di servire. Cuocere a 170°C per 40-45 minuti a forno statico finché non è ben dorata in superficie. ( Ricetta tratta da qui)

                                                           Versione con Lievito di Birra

Ingredienti per il lievitino:
135g di farina
1/2 panetto di lievito di birra fresco
75g di acqua
1 cucchiaino di zucchero

Ingredienti per l'impasto:
400g di farina
50g di parmigiano grattugiato
120g di latte tiepido
90g di uova (circa 1 e 1/2)
120g di burro o 80ml di olio
8-10g di sale

Ingredienti per il ripieno:
150g di speck
150g di scamorza
100g di pistacchi

Preparare il lievitino facendo sciogliere il lievito con lo zucchero nell'acqua, unire la farina, impastare il tutto e lasciare lievitare fino al raddoppio (circa 40-60 minuti)

Unire nella planetaria la farina con il formaggio e il latte, iniziare ad impastare e unire un po' alla volta le uova. Aggiungere il burro morbido o l'olio un po' alla volta affinché venga assorbito e infine il sale. Aggiungere il lievitino a pezzi e impastare per amalgamare i due impasti. 
Sarà pronto quando si ottiene un impasto liscio e omogeneo, riporlo in una ciotola unta d'olio e lasciarlo riposare fino al raddoppio (2 ore circa).
Nel frattempo preparare il ripieno tagliando il formaggio e lo speck a cubetti e sbucciando e tritando grossolanamente i pistacchi. Stendere l'impasto per formare un rettangolo di circa 5 mm di spessore, cospargerci sopra i vari ingredienti e arrotolarlo, partendo dal lato lungo, per formare un rotolo, che andrà tagliato a metà nel senso della lunghezza. Con delicatezza, per non far uscire gli ingredienti, girare le due parti ottenute con l'apertura verso l'alto e incrociarle per formare una treccia a due capi che poi andremo a chiudere ad anello. A questo punto la trasferiamo in una teglia da torta, o meglio da ciambella, leggermente imburrata e la lasciamo riposare 2 ore circa, fino al raddoppio.
Quando pronta, se si vuole, lucidarla con del latte o un uovo sbattuto e infornare a 170°C per 40-45 minuti fino a doratura.
(La ricetta è quella della "Angelica salata" delle Sorelle Simili, in rete potete trovare varie versioni)

2 commenti:

  1. so già che mio marito la amerà
    la proverò prestissimo
    grazie mille
    fede

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Federica,
      che bello leggerti qui...questa treccia noi la adoriamo e mette sempre d'accordo i gusti di tutti, spero vi piaccia anche a voi, fammi sapere!
      a presto,

      Elimina