01 settembre 2014

Sarde a beccafico {per un rientro con sorpresa}


Uh come è dura riprendere con le vecchie abitudini, si stava troppo bene spaparanzati al sole con pochi pensieri per la testa...ma sono molto felice di ricominciare e ritrovarvi tutti!!

Per me sono state vacanze davvero belle, ho visto posti meravigliosi, mangiato cose buonissime, fatto mille bagni e preso più sole che potevo per ricaricarmi prima dell'inverno ;)!!
Poi quando hai la fortuna di tornare a casa, dopo 4 giorni, e tuo marito ti organizza una cena a sorpresa, con tutte le cose che ami di più, non puoi che scioglierti e ricordarti quanto bene si sta anche a casa....
Come mi conosce lui, nessuno mai, davvero. Si è cimentato nelle sarde alla beccafico per farmi felice (io e i miei gusti ben strani :))) e per questo lo amo ancora di più!!

Non potevo che dedicare a lui questa prima ricetta, anche perché erano davvero eccezionali, quindi oggi vi lascio la ricetta delle sarde di Mr.G!



Ingredienti per una teglia grande di sarde:
1 e 1/2 Kg di sarde
Olio extravergine d’olive
15 cucchiai di pangrattato
150 grammi di uvetta
100 grammi di pinoli
1 abbondante cucchiaio di zucchero
Sale,pepe, prezzemolo q.b.
Succo di un limone

Pulire le sarde, diliscarle e privarle delle teste, sciacquarle e aprirle a libro (si possono trovare anche già pulite, costano un pochino di più ma sono veramente comode!).
Iniziare mettendo in una padella il pangrattato, facendolo dorare stando attenti a non bruciarlo.Quando sarà ben colorato togliere la padella dal fuoco, unire un filo d’olio e mescolare bene. A parte, in una terrina, unire il pangrattato con l’uvetta, i pinoli, lo zucchero, il sale e pepe ed il prezzemolo tritato. 
A questo punto iniziare a farcire le sarde adagiando, su ognuna di queste, un po' di ripieno appena ottenuto. Arrotolare poi le sarde farcite per ottenere degli involtini. 
Disporli allineati in una teglia oliata, l’uno accanto all’altro e condirli con un filo d’olio e poco succo di limone. Spolverare con ancora un po' di pangrattato (o di ripieno se vi è avanzato) e mettere in forno caldo per circa venti minuti.
(ricetta tratta e modificata da qui)

08 agosto 2014

Le mie ricette su Style for moms #6



Con la ricetta di oggi vi auguro Buone Vacanze, Cuci-nata se ne va al mare finalmente e ci risentiamo a Settembre più carichi e riposati per tante nuove ricette insieme!!

La ricetta di questo panino la trovate sempre su Style for Moms e se diventerà anche il vostro pranzo in vacanza mandatemi una bella foto sù Facebook oppure Instagram con l'hastag #ipaninidicucinata così da tenerci in contatto anche in vacanza!!





05 agosto 2014

Ciambella integrale alla ricotta con cioccolato e nocciole



Ultima settimana a Bologna e poi via per qualche settimana finalmente!!
Questo luglio ha reso veramente durissima la attesa delle vacanze e la voglia di sole e mare ora è veramente infinita. 
Il programma della prossima settimana salentina sarà solo abbronzarsi , fare bagni meravigliosi e visitare posticini splendidi...non vedo l'ora!!
Come carica per affrontare questi ultimi giorni un ciambella golosissima, resa solo un pochino più sana e rustica dalla farina integrale, che ci sta benissimo, ma nulla vi vieta di usare solo farina bianca.


Ingredienti:
150g di farina 00
100g di farina integrale
250g di ricotta
2 uova
200g di zucchero integrale
80g di cioccolato fondente
80g di nocciole
1 bustina di lievito

Montare le uova con lo zucchero fino ad ottenere una crema liscia e omogenea, unire la ricotta e mescolare bene. A parte setacciare la farina con il lievito e poi unirle al composto di uova.
Unire il cioccolato e le nocciole tritati a mano e mescolare bene.
Versare in una teglia da ciambella da 24 cm di diametro e cuocere a 180°C per 40-45 minuti.
Fare la prova stecchino prima di sfornare.

01 agosto 2014

Involtini di melanzane




Per iniziare Agosto con tante aspettative e tanta voglia di relax, una ricetta molto estiva e in tema con il luogo delle nostre vacanze che, fra una settimana finalmente, avranno inizio!!
Nelle ultime settimane la voglia di fare grandi preparazione non c'è stata per cui le nostre cene si sono risolte con piccole soluzioni (come questi) che richiedono il minimo sforzo ma hanno una resa niente male. A me piacciono tantissimo anche da presentare e sono perfetti anche per cene meno sbrigative, casomai come antipasto.
Altrimenti come piatto unico serviteli su un letto di rucola e abbondate di parmigiano o ricotta salata, non vi dico la bontà!



Ingredienti:
1 melanzana
150g di mozzarella
qualche pomodorino
grana grattugiato q.b
basilico
sale e pepe

Pulite e lavate la melanzana, tagliatela a fette molto sottili anche con l'aiuto della affettatrice. Scottate le fette in una padella antiaderente, calda e unta d'olio, per 1 minuto per lato.
Tagliate in quattro i pomodorini e a bastoncini la mozzarella. Stendete le fettine di melanzana su un tagliere e farcitele con qualche spicchio di pomodoro, il basilico spezzettato e il bastoncino di mozzarella. Condite con sale, pepe e grana grattugiato.
Chiudete gli involtini e appoggiateli in una teglia foderata con carta forno. Condite con un filo d'olio e cuocete a 200°C per 2-3 minuti, sfornate prima che la mozzarella si sciolga. Servite con abbondante grana grattugiato sopra.

(ricetta tratta da "La cucina Italiana")


29 luglio 2014

Grissini stirati



Con un'estate così il forno non ha mai smesso, molto, di funzionare e mi permette di sperimentare e sfornare lievitati di tutti i tipi.
Questa volta volevo provare a fare dei grissini che ricordassero un po' quelli torinesi, croccanti e friabili, che per me sono una vera droga e sono perfetti come accompagnamento a un bel aperitivo, magari estivo ;)!!
Ho trovato una ricetta niente male, ci assomigliano molto anche se, devo ammettere, quella friabilità è data da molto più olio che io faccio fatica ad usare. 
Li ho preparati per una cena in compagnia e sono talmente piaciuti che sono finiti in una sera!

Ingredienti:
480 g di farina buratto
240 g di acqua
80 g di pasta madre (rinfrescata 3-4 ore prima)
50 g di latte
50 g di olio
10 g di sale
1 cucchiaino di malto

Sciogliete il lievito madre nell’acqua, all’interno della impastatrice, aggiungete la farina, il latte, il malto e impastare fino a far incordare l’impasto. Aggiungete l'olio a filo e farlo assorbire, quindi incorporare il sale. Finire di impastare e mettere a riposare l’impasto in un contenitore chiuso e unto con un filo d’olio.
Dopo 2 ore circa, stendete l'impasto a forma di rettangolo, con l’aiuto di un mattarello. Ricavate dal lato corto delle striscioline sottili, prendetene le estremità e, con delicatezza, allungatele fino a una  lunghezza per riporle nella teglia. Formati tutti i grissini, spolverizzarli con farina di mais bramata, copriteli e lasciateli riposare altre due ore nella teglia dove li avete sistemati. 
A questo punto cuoceteli in forno a 180° fino a doratura, girandoli ogni tanto. 
Lasciateli raffreddare prima di consumarli, si mantengono bene a lungo chiusi in un sacchetto di plastica.


25 luglio 2014

Mini crostatine al cocco con crema al cioccolato bianco


Due settimane fa è stato il compleanno di Mr G. e non potevo mica non preparargli una torta di compleanno come si deve!!
Ho optato per tante mini tortine che a me piacciono un sacco e sono anche molto più semplici da nascondere per non farsi scoprire :). Infatti ho preparato tutto il giorno prima e la mattina, prima del suo risveglio,sono andata in cucina ad assemblare i vari ingredienti per preparargli una super colazione, i 29 vanno festeggiati come si deve!!
In queste mini crostate alla frutta ho cercato di unire i suoi ingredienti preferiti: cocco e cioccolato bianco...accoppiata perfetta!!



Ingredienti per una crostata normale o 6-8 crostatine:
200g di farina 00
70g di farina di cocco
100g di zucchero
100g di burro
1 uovo

Ingredienti per la crema:
250g di latte parzialmente scremato
2 tuorli
15g di farina 00
250g di cioccolato bianco

Iniziate preparando la frolla, unite le farine, lo zucchero, il burro morbido, l'uovo e impastate velocemente per amalgamare il tutto. Una volta pronta riponetela in frigo per 15-30 minuti.
Nel frattempo preparate la crema: scaldare il latte in un pentolino per farlo intiepidire, sbattere i tuorli con lo zucchero fino ad ottenere una consistenza chiara e spumosa. Aggiungere la farina setacciata e il latte ormai raffreddato. Versare il tutto in un pentolino e, mescolando continuamente, fatelo addensare a fuoco basso. Infine aggiungere il cioccolato tagliato a scaglie e continuare a mescolare per farlo sciogliere e amalgamare al composto. A questo punto togliere dal fuoco e versare la crema in un contenitore largo per farla raffreddare, poi riporre in frigo coperta da pellicola.

Ora togliere la frolla dal frigo e aiutandosi con il mattarello e un po' di farina stenderla per ricoprire lo stampo scelto. Bucherellare la base della torta, coprirla con un foglio di carta forno dove appoggeremo un po' di legumi secchi, e cuocerla per dai 15 ai 25 minuti circa, controllando che non si scurisca troppo, a seconda della grandezza dello stampo.
Una volta pronta, assemblare la crostata distribuendo la crema nel guscio di frolla e decorarala con le fettine di pesca e un po' di cocco a scaglie.
Si mantiene per qualche giorno tenendola in frigo, se fate le crostatine vi consiglio di assemblarle sempre all'ultimo, prima di mangiarle.


23 luglio 2014

Le mie ricette su Style for moms #5


Anche se non sembra, è estate e le vacanze ormai sono dietro l'angolo così ho pensato di proporvi una soluzione pratica, veloce ma buonissima da portarsi in spiaggia, per un pranzo sotto l'ombrellone, oppure per un bel picnic in mezzo alle montagne....che dite, vi ho incuriosito?




Allora correte a leggere la ricetta su Style for Moms e se diventerà anche il vostro pranzo in vacanza mandatemi una bella foto sù Facebook oppure Instagram con l'hastag #ipaninidicucinata così potremmo condividere i posti meravigliosi che visiteremo ;)!!





15 luglio 2014

Rotolini di zucchine gratinate alla menta


Continuiamo con ricette super facili e veloci per l'estate. L'idea di questi involtini l'ho trovata in una delle tante riviste di cucina che ogni mese compro e, sfoglio e risfoglio più volte, da quanto mi piacciono!!
Ormai ne ho veramente tante e devo dire che mi piace molto, se devo preparare qualcosa di un po' particolare, tirare fuori i diversi numeri del relativo mese e vedere come cambiano le ricette proposte negli anni.
Questi involtini mi hanno colpito subito per come si presentano, li trovo bellissimi e perfetti per fare una bella figura a una cena estiva, poi le verdure gratinate sono sempre golosissime quindi è facile immaginare quanto siano buoni!!


Ingredienti:
2 zucchine grandi
100g di pangrattato circa
70g di grana grattugiato
olio, sale, menta q.b.

Lavate le zucchine e tagliatele sottili sottili nel senso della lunghezza (se avete la affettatrice vi consiglio di usarla, altrimenti una mandolina). Sbollentate le fettine di zucchine, in acqua bollente salata, per 1'circa, scolate e tamponatele leggermente.
A parte unite il pangrattato con il grana, le foglioline di menta tagliate in piccoli pezzettini e condite con sale, pepe e olio.
Disponete due fettine di zucchine, sovrapponendole leggermente, per creare un nastro più lungo e farcitele con il composto preparato. Arrotolate il nastro lungo formando un rotolino e disponetelo in una teglia ricoperta da carta forno.
Una volta completati tutti i rotolini, conditeli con un filo d'olio e infornate a 180°C, ventilato, per 10' fino a doratura. Serviteli caldi.

(ricetta tratta e modificata da "La cucina Italiana")

11 luglio 2014

Bruschette ai due pomodori e ricotta salata



Una delle meraviglie dell'estate è che ci vuole veramente pochissimo per creare un piatto gustoso e carino e coccolarsi un po'.
Poi, in questa stagione, le verdure sono talmente buone che spesso meno le si lavora meglio è. Ogni sera per cena preparo una ciotolina con dei pomodorini che, spesso finiscono prima di sedersi a tavola, quanto buoni sono, quindi diciamo che il merito di questa bruschetta è quasi tutto loro. Io ho semplicemente unito un po' di buoni ingredienti e il risultato ci è piaciuto talmente da aver già fatto il bis questa settimana...insomma, ve le consiglio, magari accompagnate da un buon calice di vino bianco freddissimo mentre fate i programmi per il weekend che sta per iniziare :)!!

Per questa non-ricetta unite in una ciotolina un po' di pomodorini ciliegia tagliati a metà insieme a qualche pomodorino secco, fatto prima rinvenire in acqua calda. Aggiungete qualche oliva verde a pezzettini e condite con poco sale, olio e tanto basilico. Lasciate insaporire qualche minuto.
Nel frattempo tostate qualche bella fetta di pane (per noi questo), quando sarà caldo conditelo con un filo d'olio, aggiungeteci i pomodorini preparati e grattugiateci sopra un po' di ricotta salata.
Mangiate subito!


08 luglio 2014

Crema estiva di zucchine e ricotta


Quanto mi piacciono le creme estive!!
A noi ci fanno spesso compagnia la sera, tiepide per lui e calde per me che, anche se ci sono 40 gradi, non rinuncio al latte bollente alla mattina e alle zuppe estive. Tutto, naturalmente, con gran sgomento di Mr. G che non si capacita come possa mangiare qualcosa di bollente quando fuori si boccheggia ;)))
Tornando alla ricetta, questa crema di zucchine è di una semplicità unica, la si prepara in pochissimo e la si può arricchire con quello che si preferisce per creare un piatto di gran effetto.
Provate l'abbinamento con la ricotta, credetemi, è perfetto e abbondate di basilico...qui si deve proprio sentire!


Ingredienti:
750 g di zucchine chiare
1 cipolla bianca
ricotta
basilico e pepe q.b

Tagliate le zucchine a rondelle e affettate la cipolla, disponete tutto in una pentola capiente e versateci 2 bicchieri d'acqua. Portate a bollore e fate cuocere finché le verdure non si sono ammorbidite.
Quando pronte togliete, se è rimasta molta acqua, toglietene un po' e conservatela in una tazzina. Con il frullatore ad immersione riducete a crema le verdure, aggiungendo qualche foglia di basilico, e se serve unite un po' dell'acqua di cottura fino ad ottenere la consistenza desiderata. 
Aggiustate di sale e unite un filo d'olio.
Servite la crema tiepida, con qualche cucchiaio di ricotta, e una spolverata di pepe.


04 luglio 2014

Ghiacciolo menta, cioccolato e granella di nocciole



Anche se molto lentamente, l'estate inizia a farsi sentire sempre di più e, non so a voi, ma a me scatta in automatico una voglia assoluta di gelato, granite e qualsiasi cosa che sia fresco.
Non potendo mangiare i fantastici gelati cremosi, che si trovano qui a Bologna, tutti i giorni, questa estate ho optato per trovare qualche escamotage per placare quella voglia serale.
Grazie ai bellissimi stampini della Silikomart, che potete trovare in regalo acquistando una bottiglia di sciroppo Fabbri, ho creato un dessert rinfrescante, goloso ma anche light in modo da evitare inutili sensi di colpa.
Menta e cioccolato è un gran classico che non stanca mai, questa volta l'ho arricchito con un po' di granella di nocciole che da un po' di croccantezza e rende il tutto ancora più goloso!



Ingredienti (per 3 stampini circa):
1 vasetto di yogurt 01%
1 cucchiaino di miele
1 cucchiaino colmo di sciroppo alla menta Fabbri
cioccolato fondente q.b
granella di nocciole q.b

Mescolate insieme lo yogurt con il miele e uniteci qualche piccola scaglia di cioccolata fondente. Aggiungete lo sciroppo e mescolate bene. Riempire gli stampini e aggiungere un po' di granella sopra prima di riporre in frigo a solidificare, ci vorranno alcune ore. Sformare delicatamente.





01 luglio 2014

Marmellata di limoni



L'avevo mangiata già diverse volte e mi è sempre piaciuta moltissimo. Ma vuoi che limoni buoni qui è difficile trovarli, vuoi che non ci ho mai veramente pensato, questa è stata la prima volta che mi sono cimentata in questa marmellata.
I limoni erano speciali di loro, portati dai suoceri dalla costiera amalfitana, e sicuramente loro hanno fatto il 90%, il resto è stata fortuna nel beccare una ricetta più che valida.
Insomma, ve la consiglio, soprattutto se adorate confetture da mangiare anche con i formaggi, questa è davvero super...noi l'abbiamo provato con uno stracchino e ci stava benissimo!!


Ingredienti:
1kg di limoni
350g di zucchero di canna
acqua q.b

Tagliare i limoni, tenendo la buccia, a fettine sottili e porle in un contenitore ampio. Versareci sopra acqua fredda fino a ricoprirle completamente e chiudere il contenitore con della pellicola. Lasciarle riposare per 24 ore.
Il giorno dopo, scolare i limoni dall'acqua e versarli in una pentola capiente e ricoprirli nuovamente di acqua. Portare a bollore per 10 minuti, scolarli e versarli nuovamente nella pentola. A questo punto aggiungere, circa, 2 bicchieri di acqua e lo zucchero e far andare finché la marmellata non si sarà addensata abbastanza (circa 30-40 minuti).
Versare nei vasetti ancora bollente, chiuderli e metterli a testa in giù fino a raffreddamento.
Se non si consuma in breve tempo è meglio sterilizzare i vasi facendoli bollire in acqua per 20 minuti e facendoli raffreddare nella stessa prima di metterli via.

27 giugno 2014

Clafoutis alle pesche e mandorle caramellate




Mi aspettano 3 giorni speciali, domenica è già un anno da quel giorno e noi ce ne andiamo in Maremma a fetseggiare!!
Prima vi lascio un dolce super estivo e leggero così la prova costume è salva ;)!!




Ingredienti:
4 pesche noci mature
300 ml di latte
3 uova
50g di farina
60g di maizena (o frumina)
80g di zucchero (se vi piace dolce aumentate un po' la dose)
1 cucchiaino di estratto di vaniglia
mandorle caramellate q.b.

Imburrate una teglia da forno e distribuiteci le pesche a fettine, a parte, mescolate con la frusta le uova, il latte, le farine e lo zucchero. Versate la pastella sulla frutta e aggiungeteci un po' di mandorle a piacere (o del croccante a pezzettini). Gli conferirà un po' di croccantezza a un dolce, che di suo, è molto morbido.
Infornare a 180°C, statico, per 40 minuti circa. Fare la prova stecchino prima di sfornare.

24 giugno 2014

Caponatina leggera


Una delle meraviglie dell'estate sono sicuramente i suoi magnifici prodotti; i colori, i profumi, la dolcezza delle verdure e della frutta estiva sono qualcosa di unico, un vero regalo della natura!
Quindi la prima ricetta dell'estate non poteva che essere un trionfo di colore e bontà. 
La vera caponata Sicilia è qualcosa di irraggiungibile, di una bontà unica e difficile da replicare, quindi preferisco mangiare quella vera, fatta da chi se ne intende e magari anche in Sicilia...un sogno!!
A casa, invece, realizzo questa versione super leggera che ha, praticamente, gli stessi ingredienti della caponata vera ma una cottura molto diversa e più semplice. 
Per me è buonissima fatta anche così, perfetta come contorno in queste calde giornate estive anche perché, fredda e il giorno dopo, è ancora più buona, provatela!!


Ingredienti:
1 melanzana grossa
4-5 zucchine
3 carote
1 costa di sedano
4 pomodori ramati
1 cipolla bianca
1 cucchiaio di aceto di vino bianco
2 cucchiai di concentrato di pomodoro
olive nere q.b
capperi salati q.b
baslico

Iniziare lavando e tagliando tutte le verdure a cubetti. Affettare la cipolla sottilmente e farla rosolare con un filo d'olio in un tegame capiente. Iniziare a inserire le verdure partendo dalle carote per farle ammorbidire per qualche minuto. Proseguire con le melanzane e infine aggiungere le zucchine.
Far cuocere il tutto per 10 minuti, con un po' d'acqua e con il tegame coperto, nel frattempo lessare il sedano in un po' d'acqua per 5-7 minuti.
Pulire i pomodori, tagliarli a pezzettini e aggiungerli alle verdure in cottura, togliendo il coperchio e mescolando spesso.
Quando i pomodori si saranno amalgamati alle verdure, aggiungere i 2 cucchiai di concentrato di pomodoro, l'aceto di vino bianco e il sedano leggermente lessato.
Mentre le verdure continuano a cuocere, sciacquare una buona manciata di capperi sotto l'acqua e tagliare le olive a pezzetti. Quasi a fine cottura aggiungerli al composto, salare leggermente e aggiungere qualche foglia di basilico fresco.
Quando pronta lasciare riposare un po' prima di servire.

20 giugno 2014

Un pane che profuma di estate


Prima di iniziare a fare il pane con la pasta madre ero all'oscuro di tutto il mondo che c'è dietro a un alimento, all'apparenza così semplice, ma in grado di darti veramente tanto.
In questi mesi ho iniziato a capire cosa ci sta dietro a farine diverse, quanto una farina macinata a pietra, proveniente da un mulino, abbia in più delle semplici farine industriali. Se non si ha mai provato è difficile da capire e anche per me prima mi sembrava impossibile ma poi quando vedi le farine, inizi a conoscere il processo con cui vengono realizzate, assaggi il pane fatto con queste capisci come, quei 2-3 euro spesi in più per acquistarle, li valgono tutti.
Credo che il pane abbia un potere partciolare, è in grado di farti innamorare di lui in poco tempo e poi è difficile abbandonarlo. Non so se con le mie foto, e con queste ricette, riesco a trasmettervi la magia che io vedo in questi pani ma lo spero e ci provo.
Questo di oggi è un pane fatto al 100% con la semola rimacinata, è il pane tipico pugliese, ha un profumo e un sapore unico, per me sà proprio di estate!


Ingredienti:
600g di semola rimacinata
400g di acqua
150g di lievito madre solido (a 3-4 ore dal rinfresco)
5g di malto
12g di sale

Prima di impastare lasciamo la semola in autolisi con 330g di acqua per 30 minuti circa. Passato questo tempo aggiungiamo nella ciotola dell'impastatrice il malto, il lievito a pezzettini e parte dell'acqua restante e iniziamo ad impastare con il gancio. Quando otteniamo un impasto liscio ed omogeneo aggiungiamo il sale con l'ultima parte di acqua. Portiamo l'impasto ad incordatura e quando risulterà liscio ed omogeneo, e si staccherà dalle pareti della ciotola, lo ribaltiamo sul piano. Pirlarlo* bene per ottenere una palla e porlo in una ciotola a lievitare fino al raddoppio ( ci vorranno circa 4 ore con una temperatura di circa 30°C). A questo punto dividere l'impasto in due parti e con ciascuna formare un filone** e farlo rotolare sul piano per allungare le punte. Porre i due filoni, con la chiusura verso l'alto, su una teglia rivestita da un canovaccio spolverato di abbondante semola, e separarli ponendo il canovaccio piegato a fisarmonica in mezzo. Coprirli con il canovaccio e porre agli estremi dei pacchi di farina per non far allargare troppo l'impasto. Lasciarli lievitare per altre 2 ore circa e fare la prova dito prima di infornare (schiacciare l'impasto con un dito e se l'impronta torna sù e scompare velocemente l'impasto è pronto per essere infornato).
Scaldare il forno alla massima temperatura con la teglia e un pentolino con dell'acqua dentro. Quando l'imapsto è pronto rovesciare i filoni sulla teglia calda, ricoperta da carta forno, e fare un taglio longitudinale su entrambi i filoni. Infornare per 15 minuti, poi togliere il pentolino dell'acqua e continuare per altri 15-20 minuti abbassando la temperatura a 200°C. Gli ultimi 10 minuti porre il forno in modalità ventilata, lasciando lo sportello a fessura, e abbassare la temperatura a 180°C. 
Sfornare e lasciare raffreddare completamente prima di tagliare.
(ricetta tratta da qui)


*Pirlatura: pirlare un impasto significa arrotondarlo facendolo girare tra le mani o sul piano di lavoro conferendogli forma sferica regolare, al fine di omogeneizzarne la forza permettendogli una crescita regolare durante la lievitazione.

**Formatura filone:  formare un rettangolo con l'impasto, ripiegare verso il centro prima l’angolo sinistro e poi quello destro della parte superiore della massa, e poi arrotolare l'impasto con i due pollici fino a chiusura. 

17 giugno 2014

Biscottini alle nocciole


L'unico lato positivo di questo tempaccio è poter accendere il forno senza squagliarsi. Ma, in realtà, questo grigio a me mette tanta tristezza e, per tirarmi sù, sono tornata a sfornare biscotti alle nocciole che hanno invaso tutta casa con il loro fantastico profumo!!
E alla fine, che sia inverno o estate, un biscottino ci sta sempre e questi li vedo anche perfetti per accompagnare una bella coppa di gelato in una delle prossime serate estive (speriamo prestissimo!!).


Ingredienti (per 40 biscotti circa) :
100g di farina integrale
150g di farina 00
50g di nocciole tritate
1 uovo
70g di zucchero di canna
1 pizzico di bicarbonato
50g di burro freddo a pezzettini
25g di latte

Mescolare insieme, in una ciotola, le farine, le nocciole tritate, il bicarbonato, lo zucchero, l'uovo e il burro. Impastare velocemente con le mani, aggiungere un po' alla volta il latte fino ad ottenere un composto omogeneo e compatto. Avvolgerlo nella pellicola e farlo riposare in frigo per 2 ore circa.
Trascorso questo tempo, stendere l'impasto con il mattarello, aiutandosi con della carta forno e della farina se serve. Ricavare i biscotti con la formina che si preferisce e cucinarli, con il forno in modalità statica, a 180°C per 10-15 minuti.


13 giugno 2014

Focaccia pomodorini e zucchine




In questi giorni di caldo torrido non ce l'ho proprio fatta ad accendere il forno e mi sono presa una pausa da pane e lievitati. 
La scorsa settimana, però, avevo sfornato come un pazza, complice una festa a sorpresa da organizzare e una gran voglia di cucinare, mi sono fatta prendere un po' la mano! Credo che il mio forno abbia funzionato una media di 6 ore al giorno (sono una pazza, lo sò :)! )
Questa focaccia è stata una delle tante cose preparate e mi è piaciuta un sacco, riuscite a percepire la sofficità dalle foto?!
Inoltre è veramente semplice da impastare ed è fondamentale dato che la mia kitchenAid mi ha abbandonato e per un mesetto non potrà aiutarmi!




Ingredienti (per una teglia rettangolare 40x32 cm):
150 g di lievito madre a 3 ore dal rinfresco
700 g di farina 0
630 ml di acqua
1 cucchiaino di malto d'orzo o zucchero
2 cucchiai di sale
4 cucchiai abbondanti di olio

Condimento:
sale grosso, olio e acqua per l'emulsione
pomodorini q.b
1 zucchina tagliata sottile

In una ciotola ampia versate tutta l'acqua e scioglieteci dentro il lievito con il malto. Aggiungete tutta la farina e iniziate a mescolare, ottenuta una pastella densa aggiungeteci il sale e infine l'olio. Mescolate il tutto; risulterà un'impasto molto liquido, lasciate riposare 1 ora.
Ora versate il composto nella teglia ben unta di olio, anche sui bordi, e lasciate lievitare, coperta da pellicola, per 8/10 ore. (Io di solito la impasto la sera dopo cena e la lascio riposare tutta la notte, alla mattina inforno).
Una volta pronta vedrete che avrà fatto molte bolle, togliete la pellicola, spargete un po' di sale grosso e sopra un'emulsione di olio e acqua. Infornate per 10 minuti in forno ventilato a 180°C.
A questo punto togliete la focaccia dal forno e ricopritela con i pomodorini e le fette di zucchina, continuate poi la cottura per altri 15-20 minuti finché non risulta ben dorata.


10 giugno 2014

Farro con pesto, pomodorini e ricotta salata



Fa tanto caldo in questi giorni, lo dicevano che sarebbe arrivato ma io non mi aspettavo l'estate tutta sul colpo....e anche se ci si scioglie al sole, e le energie sono pressoché sparite, io sono troppo felice!!!
Questa è in assoluto la stagione più bella, il mare, il sole, le serate lunghe, non so ma a me cambia proprio l'umore come se sentissi la felicità nell'aria!!
Con il caldo la voglia di mettersi ai fornelli diminuisce anche per me così cerco di preparare qualcosa di veloce e non comporti lunghe cotture. 
Questo farro è perfetto, sarebbe buono anche mangiato caldo ma freddo vi assicuro che è squisito, io l'ho preparato per un buffet Venerdì scorso ed è piaciuto molto. 
Se, però, l'idea di accendere il forno, anche solo per 15 minuti, vi spaventa potete mettere i pomodorini anche crudi tagliati in piccoli quarti!



Ingredienti per 2 persone:
160g di farro
4-5 cucchiai di pesto
150-200g di pomodorini
ricotta salata q.b.

Lessate il farro per 25-30 minuti in acqua poco salata. Scolatelo e passatelo sotto l'acqua fredda (tenendo un po' di acqua di cottura con cui ammorbidire il pesto) poi conditelo con il pesto.
Mentre il farro cuoce, tagliate i pomodorini a metà e disponeteli in una placca da forno, conditeli con un po' di sale e un filo d'olio. Infornate (forno ventilato) a 180°C, per 10-15 minuti, finché non si saranno ben  ammorbiditi e lasciateli raffreddare.
Unite i pomodorini al farro condito e, prima di servire, grattugiateci sopra abbondante ricotta salata.
Secondo me, non serve neanche aggiungere altro sale perché il pesto e la ricotta sono già molto saporiti.

06 giugno 2014

Granola al cioccolato


L'estate ormai è dietro l'angolo e anche in cucina iniziamo a sentirla. Mr G. ha già abbandonato il suo tè mattutino e quindi via a yogurt e cereali!! 
Quest'anno, dopo la varietà che abbiamo visto e assaggiato in America,  mi è venuta la voglia di provare a fare la granola a casa. Lo immaginavo e così è stato: amore a prima vista!! 
Mescolare gli ingredienti, metterli nella teglia e attendere che questo strato di croccantezza sia pronto è quasi magico. E dopo averla provata, vi assicuro, che i cereali in scatola diventano qualcosa di molto lontano che difficilmente vorrai rifar entrare nella tua cucina!



Ingredienti:
250g di fiocchi di avena (io ho usato una confezione di fiocchi misti)
50g di fiocchi di mais
50g di mandorle
60g di nocciole
50g di zucchero di canna
cioccolata bianca q.b.
120ml di acqua
30g di sciroppo d'agave
70g di miele
40g di olio di semi

Unire insieme, in una ciotola, i fiocchi di avena, di mais e le nocciole e le mandorle tagliate grossolanamente. Mettere in un pentolino l'acqua, il miele, lo sciroppo d'acero, lo zucchero e l'olio e portare a bollore, far andare per 5 minuti circa, mescolando ogni tanto.
Versare il liquido nella ciotola contenente i fiocchi e mescolare bene. Distribuire il composto in una ampia teglia, rivestita di carta forno, in modo da creare uno strato sottile.
Infornare a 160°C per 40 minuti circa, mescolare dopo i primi 20 minuti e ancora dopo 10 minuti.
Sfornare quando sarà bene dorata e lasciare raffreddare completamente, unire la cioccolata a pezzettini e conservare in un contenitore a chiusura ermetica. Si mantiene bene per 10-15 giorni.
( ricetta tratta e modificata da qui)

03 giugno 2014

Confettura di pere e mandorle


Prima di buttarci nella intensa produzione di marmellate estive vi lascio la ricetta di questa che mi è piaciuta veramente tanto e mi fa compagnia, a colazione, da qualche settimana.
Fino a poco tempo fa mi dedicavo a marmellate solo con fragole, albicocche e altra frutta estiva; ultimamente, però, sto sperimentando altri abbinamenti e devo dire che mi stanno dando tante soddisfazioni. 
Vi avevo già parlato qui del mio amore per la marmellata di arance e qui per l'abbinamento pere e pepe rosa. Questa è stata un altra bella scoperta, risulta molto delicata, è dolce e con quella nota croccante data dalle mandorle, secondo me piacerà molto anche a voi!


Ingredienti:
1kg di pere dolci (abate o williams) al netto degli scarti
350g di zucchero di canna
1 limone
100g di mandorle

Lavate e private le pere del torsolo, se risultano belle sode potete anche tenere 1/3 della buccia delle pere, altrimenti eliminatela e tagliatele a pezzettini piccoli. Ponetele in una casseruola, con fondo spesso e i bordi alti, insieme al succo di limone e fatele ammorbidire. A questo punto frullatele usando un frullatore a immersione (a me piace che si sentano un po' i pezzetti di pera quindi la frullo pochissimo).
Aggiungete lo zucchero e lasciatela cuocere per 1 ora circa, a fuoco basso, mescolandola spesso.
Per capire se ha raggiunto la consistenza giusta potete o fare la prova del piattino (versate un cucchiaino di marmellata in un piattino, inclinatelo, se questa scivola giù molto lentamente è pronta!) altrimenti, io spesso la spengo e la lascio raffreddare un po' in modo da verificarne la consistenza. In questo modo valuto se basterà riportarla a bollore o lasciarla andare ancora un po' prima di invasare.
Gli ultimi 10 minuti, prima di invasare, aggiungete le mandorle tagliate a piccoli pezzetti. 
Spegnete la marmellata e invasatela bollente, nei vasetti, chiudete bene e lasciate raffreddare a testa in giù.
Quando i vasi risulteranno freddi, se non la consumate subito, sterilizzateli mettendoli in una pentola piena d'acqua, portare a bollore e fateli bollire per 20 minuti, poi lasciateli raffreddare in acqua prima di toglierli. In questo modo si conserva bene per parecchi mesi.

(per circa 2 barattoli da 500g)

30 maggio 2014

{ My life } Noi su Wedding friends


Oggi nessuna ricetta, no perché oggi è un giorno speciale, la felicità è tanta e voglio condividerla con voi!
Dopo quasi un anno, il nostro matrimonio, è stato pubblicato in un blog Internazionale, Weeding Friendsquindi oggi, credo, lo passerò solo a riguardami quelle foto e a versare qualche lacrimuccia!!

Non smetterò mai di farlo quindi ancora grazie Vero, lo sai quanto fortunata mi considero ad averti incontrata e avuta a fianco a noi in quel giorno? tanto, tantissimo!!!

E un grazia va a te che mi hai fatto avere un sorriso raggiante in tutte le foto e che me lo fai tornare ogni volta che stiamo insieme!!

Scusate le sdolcinatezze ma il 29 Giugno si avvicina e le emozioni sono tante...prometto però, che dalla prossima settimana, torno seria e con tante ricettine!!


28 maggio 2014

Sformatino di patate e zucchine



Il titolo di questo post dovrebbe essere: Come preparare la cena in 20 minuti con solo 3 ingredienti.
Avevo il frigo praticamente vuoto e il marito che, invece di andare a giocare a Basket, torna a casa per cena, ho messo insieme quello che avevo e alla fine ne è venuto fuori un piattino niente male che voglio condividere con voi.
Semplice, veloce, buono e anche leggero poi, se fatto in dosi maggiore, secondo me può essere anche un ottimo piatto per un buffet o un aperitivo con tante persone. Questa estate lo riproporrò sicuramente!



Ingredienti per 2 persone:
3 patate medie
2 zucchine
scamorza affumicata
sale e pepe
menta fresca

Pelate, tagliate le patate a fettine molto sottili e tuffatele in acqua bollente salata per 3-5 minuti, finché non si ammorbidiscono. Tagliate anche le zucchine a fettine sottili, per queste possiamo procedere in due modi, se abbiamo poco tempo, ottimizziamo il tutto tuffando anche le zucchine nell'acqua delle patate ma basteranno 2 minuti. Altrimenti possiamo grigliarle in modo da fargli prendere più sapore.
Ora componiamo il tortino con un primo strato di zucchine e uno di patate, salare, pepare e mettere qualche fogliolina di menta. Completiamo con la scamorza a pezzetti in modo da coprire tutte le verdure, continuare ad alternare gli strati e completare con la scamorza, un po' di grana grattugiato e un filo d'olio.
Infornare a 180°C, in funzione ventilata, fino a doratura.



26 maggio 2014

Le mie ricette su Style for moms #4



Anche questo mese trovate due mie ricette veloci sù Style for Moms!!
Cous Cous con verdurine estive e curcuma e Polpettine di pollo al forno con salsa allo yogurt, per rimanere leggeri ma senza rinunciare a qualcosa di buono e gustoso!!


22 maggio 2014

Hummus di ceci




Vi avevo già parlato qui del mio amore smisurato per l'hummus, ad Aprile vi ho lasciato la ricetta della versione con le fave che è stata la vera scoperta di questa primavera.
La ricetta dell'hummus tradizionale la si può trovare un po' ovunque ma, ci tenevo, che anche questo piccolo spazio ce l'avesse, mi piace l'idea che questo blog sia anche un diario dei miei piatti del cuore che, spesso, sono cose semplici e non troppo elaborate.
Poi durante il nostro viaggio a New York abbiamo mangiato un hummus eccezionale, il migliore mai assaggiato che mi è davvero rimasto nel cuore. Voglio assolutamente provare a replicarlo, il problema è che non ho la minima idea di cosa lo rendesse così cremoso e buono... intanto vi lascio la ricetta che ho sempre fatto e che per me è ottima ma appena riuscirò a ottenere l'hummus di New York vi aggiorno ;)!!


Ingredienti:
450g di ceci lessati
4-5 cucchiaini di tahina
succo di 1 limone
1 cucchiaino di sale
4 cucchiai di olio

Potete usare anche i ceci in scatola ma dopo varie prove devo ammettere che con i ceci messi a bagno e poi cotti viene molto più buono.
Mettere a bagno i ceci la sera prima, il giorno dopo farli cuocere in pentola pressione per 40-50 minuti dal fischio. Quando sono cotti scolateli tenendo un po' di acqua di cottura.
Inserite i ceci, la tahina, il limone, il sale e l'olio nel frullatore e frullate il tutto. E' sempre meglio assaggiare ed aggiustare eventualmente con altro limone o sale. Se, eventualmente, serve ammorbidire la consistenza potete aggiungere 1 o 2 cucciai di acqua di cottura.



19 maggio 2014

Torta soffice alle fragole



Quanto sono felice che sia finalmente Maggio, oltre al sole e al caldo, amo questa stagione sicuramente per la sua frutta. Le fragole sono le prime che fanno la loro comparsa, dopo un inverno fatto di tante mele e arance, buone ma nulla in confronto a ciliegie, albicocche, pesche...non vedo l'ora!!!
In questi giorni il mio frigo è pieno di fragole, un po' le mangiamo, ma molte le uso per diverse torte ( provate a sbirciare sù IG ;)).
Questa di oggi è di una semplicità unica ma buonissima, è la torta perfetta per coccolarsi e senza sentirsi neanche troppo in colpa...a noi è piaciuta veramente tanto che non è durata neanche un weekend!!


Ingredienti (per una teglia da 24 cm):
250g di farina 00
120g di zucchero
80g di burro a temperatura ambiente
2 uova
1/2 bicchiere di latte
1 bustina di lievito
fragole q.b

Montare il burro con lo zucchero fino ad ottenere una crema omogenea, aggiungere le uova e mescolare bene. Iniziare a incorporare la farina insieme al latte, continuando a mescolare (spesso può bastare anche meno latte, dovete ottenere un impasto abbastanza morbido ma non liquido). 
Infine incorporate qualche fragola tagliata a pezzettini (qui ne avevo messe solo 2 ma la prossima volta abbonderò sicuramente), versate il composto in una teglia imburrata e infarinata e decorate la superficie con altra fragole tagliate a metà.
Infornate a 180°C per 40 minuti circa, fare la prova stecchino prima di sfornare.