20 dicembre 2013

Mousse di prosciutto cotto e ricotta

Per salutarvi e augurare a tutti uno splendido Natale e un fantastico inizio di un nuovo anno, vi lascio un'ultima, furbissima, ricetta.
l'ultima volta l'ho fatta per un aperitivo di Natale.
Anche questa perfetta per pranzi, aperitivi, cene e soprattutto velocissima da fare. Si tratta di una salsina al prosciutto cotto, perfetta da servire così, in un vasetto da marmellata con accanto tanto pane, cracker, grissini e vedrete che i vostri ospiti gradiranno!!!


Vi indico le dosi ma, quando preparo queste salsine, vado sempre ad occhio e a gusto quindi qui fidatevi di più del vostro palato che degli ingredienti ;).

Ingredienti (mi sono venuti i due vasetti rosa della foto):
300 gr di prosciutto cotta tagliato grosso
150/200 gr di ricotta
30/50 gr di parmigiano grattuggiato
un po' di timo fresco o secco per decorare
sale e pepe

Facilissima: frullate tutto insieme finché non vi viene una mousse bella morbida, assaggiate e, se necessario, aggiustate di sale e pepe. Servite in una ciotolina o in un vasetto distribuendoci sopra un po' di foglie di timo.

A questo punto vi saluto, questo 2013 è stato un anno pieno di cambiamenti per me, bellissimo e difficile allo stesso tempo....spero tanto che il 2014 sia ricco di tante belle sorprese e che mi permetta di far crescere questa bella avventura appena iniziata!!

Buone mangiate a tutti e soprattutto vi auguro che siano feste spensierate e piene di allegria!!




18 dicembre 2013

Mini muffin pesto e noci


Oggi, come promesso, vi lascio un'altra ricettina, che ho preparato la scorsa settimana, perfetta per un buffet ma anche semplicemente per la vostra cena di Natale in famiglia!
Sono veramente semplici da fare e farete un vero figurone ...ah poi sono così piccolini che ci si sente meno in colpa a mangiarli, anche se alla fine, ne assaggi uno e non ti fermi più, ma poi a Natale tutto è permesso, giusto?!

La ricetta l'ho presa da questo libricino che io adoro veramente. Da quando poi sono entrata nel tunnel dei cake salati non mi fermo più, li trovo perfetti in qualsiasi situazione: per un aperitivo, una cena più formale come antipasto, per arricchire il cestino del pane, per il picnic primaverile e da portarsi con sè quando si rimane fuori a pranzo. Insomma super versatili e te ne puoi inventare di nuovi ogni volta, questi, per esempio, erano con i pinoli che non avevo, così li ho sostituiti con le noci e, invece di metterle nell'impasto, le ho poste sopra per decorare i muffin.
Per l'aperitivo ne avevo preparati tre impasti normali a cake e invece due li ho divisi nei pirottini e il risultato mi è piaciuto molto, scegliete voi quindi come farli ma fateli!!!!

Ingredienti (vengono circa 30 mini muffin):
3 uova
180 gr di farina 00 ( io ne metto fino a 220 perchè mi piacciono più "panosi")
100 ml di latte
50 ml di olio
3 cucchiai abbondanti di pesto
100 gr di parmigiano grattugiato o emmenthal
1 bustina di lievito per torte salate
noci per decorare
sale e pepe

Sbattere le uova con il latte l'olio e il pesto, aggiungere la farina, il formaggio e regolare di sale e pepe. Per ultimo incorporare il lievito.
Dividere l'impasto nei pirottini riempiendoli per 3/4.
Infonare a 180°C per 20 minuti circa, essendo così piccoli però è meglio controllarli ad occhio (se si fa un cake unico invece ci vorranno 45-50 minuti).




16 dicembre 2013

L'aperitivo di Natale!

Da un paio di anni mia mamma, la settimana prima di Natale, organizza un aperitivo di beneficenza per stare insieme, farsi gli auguri di Natale e fare del bene raccogliendo qualche offerta da mandare ai bambini in Brasile, tramite l'associazione di cui fa parte.
Quest'anno, dato che ero disponibile e le persone invitate sarebbero state tante, mi ha chiesto se avevo voglia di preparare io il buffet. E così mercoledì con la mia valigia, piena di props da cucina, sono tornata a casa!


Cucinare nella cucina della mamma è sempre bellissimo, anche perché è più del doppio della mia e per preparare un buffet per 50 persone in un giorno lo spazio non è mai abbastanza ;)!
Le foto purtroppo non sono per niente belle, le ho fatte 5 minuti prima di uscire per correre a prendere il treno, e la cucina era un disastro! Spero che rendano almeno l'idea...
Ho pensato di preparare principalmente cose da aperitivo perché essendo così in tanti, e non con molti posti a sedere, era più semplice da mangiare!


Gli impasti delle focacce e del pane li ho preparati la sera prima, il giorno dopo ho fatto il resto e cotto tutti gli impasti. Devo dire che, nell'organizzazione, aver studiato ingegneria mi aiuta molto: pianifico, studio le tempistiche e, quasi, sempre riesco a preparare tutto.
Il "menù" pensato era:

- Focaccia al rosmarino
- Focaccia alla cipolla
- Maxi grissini di pizza
- Un filone semi-integrale, un pane nero e una pagnotta alla semola
- Mini muffin pesto e noci
- Mini muffin zucchine,carote e zafferano
- Plumcake spinaci e ceci
- Plumcake carote e pancetta
- Plumcake cipolla e pancetta
- Mousse al prosciutto cotto
- Salsa ai pomodorini secchi
- Rotolini di sfoglia pancetta e parmigiano (non erano ancora pronti quando ho fatto la foto;))
- Rotolini di sfoglia spinaci e emmenthal (non erano ancora pronti quando ho fatto la foto;))
- Lasagne vegetariane (non erano ancora pronti quando ho fatto la foto;))

Io poi sono dovuta correre a Bologna appena finito di cucinare (naturalmente stanca morta, mi sembrava di aver corso una maratona!!) ma la mamma il giorno dopo mi ha chiamato dicendo che è piaciuto tutto, che non è avanzato quasi nulla e le persone andando via le hanno chiesto di portarsi con sé un pezzettino di pane....e io sentendo questo mi sono sciolta, sapere che il mio pane piace così tanto mi ripaga di tutto, veramente!!


Questa settimana pensavo di lasciarvi tre ricette, che per me sono perfette in vista dei pranzi e delle cene di Natale.
Iniziamo dalla prima, poi tornate a trovarmi mercoledì e venerdì per le altre due!

FOCACCIA SENZA IMPASTO




Questa ricetta è semplicissima e il risultato è spettacolare, come per molte ricette con il lievito madre l'ho trovata qui, secondo me si può provare anche con il lievito di birra usando 1 panetto e 1/2 di quello fresco. Come sempre i tempi di lievitazione saranno molto più brevi, andate un po' ad occhio, quando la vedete bella gonfia infornate!

Ingredienti (per una teglia da forno rettangolare):
187 gr di lievito madre
750 gr di farina 0
750 ml di acqua
1 cucchiaino di malto d'orzo o zucchero
1 e 1/2 cucchiai di sale
4 cucchiai abbondanti di olio

In una ciotola ampia versate tutta l'acqua e scioglieteci dentro il lievito con il malto. Aggiungete tutta la farina e iniziate a mescolare, ottenuta una pastella densa aggiungeteci il sale e infine l'olio. Mescolate il tutto; risulterà un'impasto molto liquido, lasciate riposare 1 ora.
Ora versate il composto nella teglia ben unta di olio, anche sui mordi, e lasciate lievitare, coperta da pellicola, per 8/10 ore. (Io di solito la impasto la sera dopo cena e la lascio riposare tutta la notte, alla mattina inforno).
Una volta pronta vedrete che avrà fatto molte bolle, togliete la pellicola, spargete un po' di sale grosso e qualche spezia se volete, e infine, versateci sopra un'emulsione di olio e acqua.
Infornate per 25/30 minuti in forno ventilato a 200°C.
Calda è spettacolare ma anche fredda è molto buona, piace sempre a tutti!






13 dicembre 2013

L'idea per un party in blu e giallo



Oggi vi mostro le foto dell'allestimento fatto per le foto con Veronica, e da cui sono partita per organizzare il party di Alessandro.

Avevo pensato a una festa per un bambino di 5 anni quindi ho azzardato con qualche palloncino e, sia per la torta che per i biscottini regalo, ho seguito il tema della macchinina.
Poi bandierine gialle che poi ho riproposto al party di Ale.



La torta è ricoperta di pasta di zucchero, molto semplice ma mi è piaciuta molto, era una delle prime volte che lo faceva e devo dire che ne sono stata molto soddisfatta!
Io non amo la pasta di zucchero ma ammetto che ogni tanto fa proprio la sua bella figura.


Per il buffet avevo preparato panini e pizzette salate, cookies, cupcakes alla vaniglia e un super cioccolatoso brownies. E come sempre caramelle gommose, fondamentali per una festa di bambini!



Per finire vi lascio la ricetta dei brownies al cioccolato, provateli, con questi non si sbaglia mai!

Ingredienti:
175 gr burro
200 gr zucchero
200 gr di cioccolato
20 gr cacao amaro
1 pizzico di  sale
2 uova
100 gr farina
mezzo cucchiaino di lievito ( io ne ho messo uno pieno ed è cresciuto molto)

Fondere a bagnomaria il burro con il cioccolato e, quando sciolto, unire il cacao mescolando bene e lasciare raffreddare un po'.

A parte montare le uova con lo zucchero, finché sono chiare e spumose, unire a filo il cioccolato sciolto. Da parte setacciare la farina con il lievito e unire il pizzico di sale.
Aggiungere al composto di cioccolato le polveri, un po' alla volta, mescolando bene.

Versate il composto in una teglia rettangolare ricoperta di carta forno (vi consiglio di bagnarla e strizzarla bene prima) e infornare in forno caldo a 180°C per 30-35 minuti. Fate la prova stecchino prima di sfornare. Lasciare raffreddare e tagliare a cubetti.

10 dicembre 2013

{ Aspettando Natale } Pane integrale alla segale



Non so perché ma ho una vera passione per il pane: prepararlo, attendere che lieviti, vederlo crescere e trasformarsi in forno e il profumo che si sprigiona in casa quando lo si sforna mi rendono proprio felice. Forse perché è qualcosa di semplice, rustico, che in casa si ha sempre e si da un po' per scontato, ma il profumo e il gusto del proprio pane sono qualcosa di indescrivibile e la soddisfazione è veramente tanta.
Ho iniziato a fare il pane quando ancora ero a Venezia, con la nostra mitica prima macchina del pane e da allora la produzione di pagnotte in casa non si è mai fermata! Quando mi sono trasferita a Bologna ho resistito poco senza e alla fine me ne sono presa anch'io una. Quando riuscivo facevo solo l'impasto nella macchina e poi cuocevo il pane in forno, così ottenevo un pane un po' diverso dalla solita pagnotta e la crosta era molto più croccante. Data la mia passione erano anni che leggevo del lievito madre ma mi spaventava moltissimo, poi un giorno la mia macchina del pane ha deciso di lasciarmi e così ci ho provato, che ve lo dico a fare, amore a prima vista!!

Il mio spavento iniziale era fondato perché il lievito madre non è semplice, ci vuole tanta pazienza e costanza, ma piano piano ti ripaga di tutta la fatica. Ho scoperto poi un mondo nuovo, sulla lavorazione, le farine, i tagli... tutte cose che prima non sapevo neanche esistessero.




La ricetta di oggi è un pane rustico, è il pane che io adoro mangiare alla mattina con la marmellata preparata da me ma si può fare con qualsiasi altra farina, anche solo farina 0 per ottenere un pane bianco.
La lavorazione è lunga ma dato che a Natale avremo tutti più tempo mi sembra il momento migliore per provarci, poi un Natale con il proprio pane sarà ancora più bello!


Ingredienti:
150 gr di farina integrale di segale
150 gr di farina integrale
200 gr di farina semintegrale (io ho usato la petra tipo 1)
150 gr di pasta madre rinfrescata
350 ml di acqua
12 gr di sale
1 cucchiaino di malto (o zucchero)
semini misti (lino, girasole, zucca)


Dopo aver rinfrescato la pasta madre ed avergli dato il tempo di maturare ( 3-4 ore circa) unisco nella planetaria la farina con la pasta madre spezzettata, lo zucchero e 3/4 dell’acqua della ricetta e procedo ad impastare fino ad avere una massa omogenea, e pian piano aggiungo il resto dell’acqua, dandole il tempo di essere assorbita dall’impasto prima di aggiungere l’altra. Prima di aver usato tutta l’acqua, aggiungo il sale e continuo a lavorare l’impasto.
Alla fine l’impasto si presenta liscio, omogeneo ed elastico cioè ben incordato, lasciamolo riposare nella ciotola per 1 ora coperto da pellicola.

A questo punto ribalto l’impasto sul piano di lavoro ben infarinato, lo allargo per formare un rettangolo e faccio un giro di pieghe a tre ( cioè dividendo idealmente il rettangolo per il suo lato lungo in tre parti, e piegando le due estremità verso il centro sovrapponendole. Poi girare questo nuovo rettangolo di 90°, riallargarlo con le mani e rifare la stessa cosa).
Io lo lascio riposare ancora un’oretta e ripeto le pieghe e, se riesco con i tempi, ripeto ancora riposo più pieghe, in tutto cerco di farlo per tre volte.
Dopo l’ultimo giro di pieghe formo una pagnotta con la chiusura in basso e la metto a riposare in una ciotola unta d’olio e coperta da pellicola. Ripongo poi la ciotola in frigo per 8 /12 ore.

Di solito io impasto alla sera, metto in frigo, alla mattina sulle 8.00 tolgo la ciotola dal frigo, faccio acclimatare l’impasto un paio d’ore e procedo.
Una volta acclimatato ribalto l’impasto sul piano di lavoro, ripeto un giro di pieghe a tre e poi procedo con la formatura, in questo caso ho fatto un filone e poi messo a riposare in un cestino. Se non si ha un cestino può andare bene uno stampo da plumcake o una ciotola ovale ricoperta da un canovaccio ben infarinato.
Lasciare lievitare l’impasto per 2- 4 ore a seconda della temperatura ( a me ce ne sono volute 4 perché fa freddino in casa). Quando lo vedete bello gonfio è pronto.

Nel frattempo accendere il forno alla massima temperatura, cioè 250°C possibilmente statico.E’ meglio cuocere i primi 15 minuti con umidità nel forno quindi, quando il forno è caldo, mettere un pentolino con dell’acqua bollente sul fondo del forno.
Ribaltare il pane sulla placca ricoperta da carta forno e procedere con i tagli utilizzando una lametta o un coltello affilato e infornare. Cuocere i primi 15 minuti con il pentolino, poi toglierlo e procedere per altri 20 minuti abbassando la temperatura a 220 °C, gli ultimi 10-15 minuti passare il forno in modalità ventilata e lasciare lo sportello leggermente aperto in modo da fare uscire l’umidità. Si può verificare che è cotto se bussando sul fondo del pane emette un suono profondo.

Sfornare e lasciare raffreddare completamente in verticale, appoggiato su una gratella.





06 dicembre 2013

{ Aspettando il Natale } Cantucci cioccolato e mirtilli

Ho una vera passione per i biscotti, mi piace moltissimo farli e il profumo che avvolge casa mentre sono in forno è qualcosa di meraviglioso, inizi già a gustarli!
Poi sono perfetti in qualsiasi momento, a colazione, a merenda e dopo cena, sia sul divano con una bella tisana, sia in compagnia con un buon bicchiere di vino.
Sotto Natale sfornerei solo biscotti, mi scalda sfornare teglie e teglie di piccoli dolci e diciamo che, con questo freddo, male non fa!
Negli ultimi anni sono diventati il mio regalino natalizio per eccellenza, sto diventando anche un po' abitudinaria, ma finché gli amici non me li tireranno dietro io continuo imperterrita....ogni volta però decidere quali fare è una vera tortura, cambio idea mille volte, quest'anno però mi aspetta un libricino speciale che mi aiuterà sicuramente nella scelta, non vedo l'ora di sfogliarlo!!



Questi invece sono merito di un'altra maestra dei biscotti, io ho solo cambiato un ingrediente, per il resto tutto uguale!
Che vi dico a fare, sono fantastici, croccanti come devono essere i cantucci, quindi perfetti da inzuppare (scegliete voi se nella tisana o nel vino ;)!)



Ingredienti:
310g di farina 00
200g di zucchero
3 uova +1
120g di cioccolato al latte ( io ne ho messi 100g e per me bastano)
50g di mirtilli disidratati ( Sirgid usa l'ananas essiccato tagliato a pezzetti)
2 cucchiai di cacao 
1 cucchiaino di lievito vanigliato
1 pizzico di sale
1 cucchiaino di estratto alla vaniglia

Sbattere, con la frusta o la planetaria, le uova, lo zucchero e l'estratto di vaniglia fino ad ottenere un composto chiaro e spumoso. Aggiungere la farina, il cacao, il lievito, il sale e mescolare bene.
Aggiungere i mirtilli e il cioccolato tritato al coltello. Formare tre filoncini su una teglia da forno (l'impasto è molto morbido quindi aiutatevi con un cucchiaio, vi consiglio di farli abbastanza stretti altrimenti vi vengono dei cantucci molto grandi, tipo i miei ;)).
Spennellare i filoncini con un uovo leggermente sbattuto e infornare a 180°C per 20 minuti.
Sfornare, far raffreddare leggermente e tagliare i filoncini in obliquo. Porre, nuovamente, i biscottini nella teglia e infornare per altri 20 minuti, girarli dopo i primi 10' per far colorare su entrambi i lati.



03 dicembre 2013

{ Aspettando Natale } Bretzel e Laugenbrot: Un pane dal sapore nordico

Quest'anno abbiamo tutti più voglia di Natale. Si è iniziato ad assaporare il clima natalizio molto prima del solito e ormai, se non si è già fatto l'albero, si è in ritardo.
Io non faccio testo, fin da piccola iniziavo a fare il conto alla rovescia tornata dalle vacanze estive; per me l'atmosfera che si respira a Dicembre è unica e preziosa, rende veramente tutto più bello e magico.
Unisci a questo l'essere nata il 24 Dicembre e Natale diventa veramente un insieme di eventi e situazione uniche che non vedo l'ora che arrivi.
Poi Natale è famiglia, è ritrovarsi, è stare tutti insieme e, quando hai una famiglia molto numerosa, sono poche le occasioni per farlo quindi è meglio tenersele strette!!
Il nostro tour de force di mangiate Natalizie inizia il 24 a casa di mia mamma dove si organizza una cena...da sempre, perciò, il mio compleanno lo passo in cucina con mia mamma e non potrei essere più felice!!

Nelle prossime settimane pensavo di proporvi un po' di ricette che a me fanno tanto Natale, perchè invernali, coccolose, golose...ricette che potrebbero essere perfette per uno dei tanti pranzi natalizi o semplicemente da cucinare con qualcuno di speciale perché il bello del Natale è anche questo, il poter cucinare in compagnia!!





Quest'anno sarà sicuramente l'anno dei lievitati, da quando ho iniziato a fare il pane con il lievito madre è amore puro, e non faccio altro che sfornare qualsiasi tipo di pane, crackers, grissini, focacce....proprio in vista del Natale ho provato a fare i Bretzel e i Laugenbrot, pane tipico tedesco dal colore scuro e ricoperto da diversi tipi di semini.
Non so a voi, ma a me qualsiasi cibo tipico dell'Alto Adige o nordico mi fa molto Natale e questi, per un'aperitivo natalizio con gli amici o come antipasto nel più formale pranzo di famiglia, sono veramente ottimi.
I panini sono buonissimi così da soli ma, se serviti con un po' di burro salato o dello speck, diventano fantastici!!

La ricetta con il lievito madre l'ho presa da qui ma potete farli anche con il lievito di birra e  i tempi di lievitazione saranno sicuramente più rapidi.





Ingredienti (tra parentesi le dosi con il lievito di birra) :
125 gr di Pasta madre rinfrescata (1 cubetto di lievito di birra)
175 gr di Acqua (250/300 gr)
400 gr di Farina 0 (600 gr)
10 gr di Malto d’orzo (o miele)
5 gr di Sale
50 gr di Burro

Glassatura:
2,5 litri di acqua
3 cucchiai di bicarbonato
2 cucchiaini di sale fino

Nella ciotola della planetaria spezzettare la pasta madre aggiungendo acqua, farina e malto. Impastare qualche minuto e incorporare il sale e il burro a pomata fino ad ottenere un impasto omogeneo.
Una volta liscio porlo in una ciotola coperto da pellicola e farlo riposare per 2 ore e successivamente in frigo per tutta la notte, circa 6/8 ore (oppure aspettare il raddoppio). Al mattino farlo acclimatare un paio d’ore e dopo procedere a dividere l’impasto, si ottengono circa 19 panini da 40 gr l’uno. 
Per realizzare dei piccoli panini fare dei dischetti con le mani, poi portate le estremità al centro, sigillare bene e arrotondare. Per i Bretzel invece formare un lungo rotolino e arrotolare le estremità per dare la forma tipica. A questo punto lasciare riposare per 2 ore coperti da un canovaccio umido.
Trascorse le 2 ore, mettiamo a bollire l’acqua con il bicarbonato e il sale a freddo. 
Una volta raggiunto il bollore, con l’aiuto di una schiumarola immergere 4 panini alla volta per una ventina di secondi, scolare bene e appoggiarli direttamente sulla teglia coperta da carta da forno. 
Finchè sono ancora bagnati cospargere i panini con semini vari, ad esempio sesamo o papavero oppure, come per i Bretzel, con del sale grosso.
Nel frattempo in cui i panini si asciugano un po' accendiamo il forno a 180°C, una volta pronti facciamo i tagli sui panini e inforniamo per 20-25 minuti fino a doratura.


Segui Cuci Nata su Google+